La Storia di Napoli

 

Ciccio Cappuccio

L’attuale via Martiri d’Otranto, sita nel quartiere dell’Arenaccia, verso la metà dell’800 era chiamata “Imbrecciata”, a causa dei ciottoli con la quale era stata lastricata, la cosìdetta “breccia”. In questa strada, ripida e malfamata, la facevano da padroni prostitute e camorristi. Fra questi i più potenti erano i Cappuccio.  Questa famiglia agì nella zona fin dal 1756, col capostipite Leopoldo, fino al 1880 con Antonio. Alla morte di Leopoldo subentrò il nipote Antonio, suo carnefice nel 1784; nel 1803 Francesco, detto “’Ciccillo  Tagliarella” ; due anni dopo il fratello Ferdinando; nel ’17 il figlio di quest’ultimo, Antonio e subito dopo l’altro figlio Gabriele, detto: “’A signurina” ; nel 1838 il figlio Salvatore ed infine, nel 1853 al figlio di costui, Francesco detto “Ciccio” che rimmarrà “in carica”  fino al 1869, anno in cui divenne capintesta della Bella Società Riformata e passò il titolo di capo paranza dell’imbrecciata a suo figlio Antonio.Ciccio subentrò a Tore ‘e Criscenzo (sia pure dopo un breve interregno di  tale Vincenzo ‘o bellu guaglione e Pasquale Caiazzo. Ciccio Cappuccio morì il 5 dicembre 1892 per un attacco di cuore mentre era a tavola. Sono tantissimi gli episodi che si raccontano su Ciccio, molti documentati ed altri presunti. Cappuccio al suo carattere deciso e intransigente, alternava anche momenti di bontà, intervenendo in difesa di poveri e deleritti, in aiuto di poveri studenti, di ragazze disonorate ma, anche in favore di ricchi derubati ai quali, prontamente, faceva restituire il maltolto. Più volte incarcerato, Ciccio, non è mai rimasto in carcere a lungo e, questo, accrebbe la potenza della sua figura, così come gli si attribuì l’immortalità perché era scampato ad un attentato (in effetti Cappuccio girava con una spece di corpetto in ferro costruitogli da un armiere) .  In occasione della sua morte , il poeta Ferdinando Russo scrive una poesia che vuol ricordare la vita del "Re dei guappi" e l'ambiente nel quale è vissuto

 

Da 'o Mercatiello a 'o Bbùvero, da Puorto a lu Pennino è corza 'a voce subbeto: "E' muorto 'o Signurino! Ciccio Cappuccio, 'o princepo d''e guappe ammartenate, ha nchiuse ll'uocchie d'aquela e sule nce ha lassate!" Scugnizze, cape-puopole, picciutte e cuntaiule, chiagnite a ttante 'e lacreme! 'Ite perduto 'o Sole! Currite, belli ffemmene, sciugliteve 'e capille, purtateve all'asequie ' e figlie piccerille! Chi ve pò cchiù difennere? senz'isso che ffacite? a chi jate a rricorrere si quacche ttuorto avite? Isso, sul'isso, era àbbele a fa scuntà sti tuorte... Mo chi pò cchiù resistere? Ciccio Cappuccio è muorte! Russo, nquartato, ggiovane, pareva justo Urlando quann'o verive scennere mmiezo San Ferdinando. V'allicurdate 'o sciopera pare succiesso aiere! Sul'isso dette ll'ordene e ascetteno 'e cucchiere! E quanno dint'e carcere p'o fatto d'e turnise isso avette che ddicere cu 'e guappe calavrise! - Tirate mano! Armateve! Tenite core mpietto? E n'abbattette dudece cu e' ttavole d'o lietto! Currite! Mo s'o portano! Menatele 'e cunfiette! Stracciateve 'e core 'a dinto 'e piette! Uommene nun ne nasceno, comm'a Ccappuccio, ancora! Cu Ciccio è mmuorto 'o ggenio d'e palatine ardite! Picciutte e cape-puopole, scugnizze e cuntaiule, chiagnite a ttanto e lacreme ite perduto 'o Sole!

 

 

____________________________________________________